Cos’è la Villocentesi? 
La villocentesi è una tecnica invasiva di diagnosi prenatale che consente di effettuare un prelievo di villi coriali dalla placenta inserendo un ago sotto guida ecografica attraverso l’addome materno. Sulle cellule di tale tessuto, poste in un appropriato terreno di coltura, e’ possibile svolgere l'analisi cromosomica prenatale, al fine di evidenziare la presenza di eventuali anomalie cromosomiche (come la sindrome di Down o 'mongolismo'), o per la diagnosi di eventuali malattie genetiche ereditarie.


Dove si esegue il prelievo?
Il prelievo di villi coriali viene eseguito presso la clinica Villa Mafalda che dispone di ambulatori chirurgici autorizzati e di stanze di degenza, qualora fossero necessarie.


Come si effettua la Villocentesi?

Il prelievo dei villi coriali viene effettuato per via transaddominale e consiste nell’introdurre un sottilissimo ago attraverso l’addome materno e prelevare una opportuna quantità di villi coriali ,sotto attento e diretto controllo ecografico. Il prelievo non è doloroso ; la gestante avvertirà solo una puntura e non il fastidio della biopsia. 


A cosa serve?
L’esame dei villi coriali solitamente viene effettuato per evidenziare eventuali dei cromosomi fetali. Tra queste la più frequente e sicuramente una delle più importanti anomalie è la sindrome di Down, detta anche mongolismo, ed è dovuta al fatto che nelle cellule il cromosoma numero 21 invece di essere normalmente doppio come tutti gli altri cromosomi è triplo (viene quindi chiamata Trisomia 21). Altre anomalie cromosomiche riscontrabili mediante l’analisi del cariotipo fetale sono la trisomia 13, o Sindrome di Patau, la trisomia 18, o Sindrome di Edwards e la Sindrome di Turner, in cui è presente un solo cromosoma X. 


E’ possibile eseguire altre indagini genetiche?
La ricerca ha permesso di mettere a punto attualmente la diagnosi di oltre 2000 malattie geniche (dovute alla mutazione di singoli geni, in presenza di un cariotipo normale). Esse però debbono essere richieste specificamente. Di solito questi esami particolari vengono fatti se in famiglia esiste il rischio di una determinata malattia . Si tratta per lo più di condizioni individualmente molto rare, che giustificano attenzione solo in specifiche famiglie, nelle quali è presente tale rischio. Tuttavia nella popolazione italiana circa 2 milioni di cittadini sono portatori sani del gene della talassemia o della fibrosi cistica, condizioni che si manifestano in media nel 25% dei figli concepiti da due genitori portatori sani di queste mutazioni.
Prima della diagnosi prenatale, la coppia può perciò, se lo desidera, sottoporsi ad indagini specifiche per valutare la presenza di questo eventuale rischio. Mentre la ricerca della condizione di portatore sano della talassemia viene eseguita routinariamente con un semplice esame biochimico, quella di portatore della fibrosi cistica si basa su una analisi molecolare che può essere eseguita su entrambi i partner (una persona ogni 25 è portatrice di una mutazione in questo gene). Questa indagine analizza le mutazioni più comuni del gene della fibrosi cistica nella popolazione italiana. Nel caso in cui l’indagine dia esito positivo, per uno o entrambi i genitori, si valuta, d’intesa con il genetista, l’opportunità di monitorare la gravidanza, anche con il test della fibrosi cistica. Negli ultimi anni sono state proposte anche altre possibili indagini molecolari, in particolare quelle relative al gene FMR1, che si associa ad una delle forme più comuni di ritardo mentale da Sindrome dell’X Fragile (1:5000 maschi) e quella del gene GJB2 correlato alla forma più comune di sordità ereditaria (circa una persona ogni 40 è portatrice di questa mutazione). Al momento sono noti oltre 100 geni correlati alla sordità e il gene GJB2, anche se è quello più comunemente coinvolto, è solo uno di essi. Anche per la Atrofia Muscolare Spinale (SMA) patologia autosomica recessiva (circa una persona ogni 50 è portatore sano per questa patologia), è possibile effettuare l’analisi molecolare del gene SMN1 su entrambi i genitori per valutare lo stato di portatore sano. Qualora entrambi i genitori risultassero positivi al test, sarà possibile estendere l’indagine al feto.
Attualmente la maggior parte delle coppie richiedono che sul prelievo di villi coriali si ricerchi l'eventuale esistenza di malattie genetiche quali:
  • La Fibrosi Cistica  
  • La Sordità Congenita  
  • Il Ritardo Mentale (Sindrome dell'X-FRAGILE) 
  • Sindrome di Duchenne
Cio’ puo’ essere richiesto anche senza prima aver analizzato i partners della coppia.


Quale è il rischio della villocentesi?
E’ noto che in circa 1% dei casi la gravidanza possa esitare in aborto dopo il prelievo o nei giorni immediatamente successivi. Al momento non sono chiari i meccanismi attraverso i quali si verifica questo evento. E' bene comunque che la villocentesi sia eseguita da uno specialista con specifica esperienza. L'incidenza di complicazioni e' direttamente correlabile con il numero di villocentesi eseguite e, in particolare, con il numero di casi eseguiti per anno.
Per il resto, la villocentesi non ha effetti negativi per il feto, anche in considerazione del fatto che il prelievo viene eseguito sotto la guida ecografica. I rischi materni sono rari.


La villocentesi è dolorosa?
La maggior parte delle donne afferma che il test non è doloroso, ma produce un minimo “fastidio” limitato al momento dell’inserimento dell’ago. Di solito, viene detto che è peggiore l’idea del prelievo, rispetto a quanto si avverta nella realtà. Essa dura normalmente qualche minuto. Alcune donne dopo percepiscono una sensazione di tensione nell’utero, o possono sentire un lieve dolore per un giorno, ma questo succedede raramente.


L’esame è sicuro?
L’esame è molto sicuro. Gli errori sono eccezionali. Ma, come per tutte le pratiche mediche bisogna comprendere che ci può essere un’eccezione o un caso nuovo. Piuttosto bisogna informare che, in circa un caso su 100 esami la coltura delle cellule non riesce e il prelievo va ripetuto. Tra le altre problematiche connesse all’analisi citogenetica si ricordano il rischio di contaminazione con cellule materne, il mosaicismo (la presenza cioè di due linee cellulari con differente assetto cromosomico all’interno dello stesso individuo), la possibile discrepanza tra l’assetto cromosomico dei villi coriali e il cariotipo fetale.


Quando la si esegue?
L’esame viene eseguito ambulatorialmente nel secondo trimestre di gravidanza, preferibilmente tra l’11^ e la 12^ settimana di gravidanza. Il prelievo dei villi coriali ha il vantaggio di poter essere eseguito prima dell'amniocentesi, rendendo possibile una diagnosi più precoce di eventuali anomalie cromosomiche o genetiche.


Quando sono disponibili i risultati?
Lo studio del cariotipo fetale con tecnica tradizionale (metodo coltura cellulare) richiede circa 12-15 giorni, la maggior parte dei quali sono necessari per la coltura delle cellule fetali dei villi coriali.  Con il metodo diretto si sfruttano le divisioni spontanee delle cellule e permette di ottenere dei risultati preliminari entro 48-72h.
Tuttavia, nel nostro Centro, la risposta preliminare più importante, cioe’ quella riguardante le aneuploidie cromosomiche più comuni (cromosomi 13, 18, 21, X e Y), si ottiente in sole 24/48 ore attraverso la cosiddetta “amniocentesi rapida”, impiegando una tecnica molecolare avanzata e completamente automatizzata, conosciuta come Quantitative Fluorescent - Polimerase Chain Reaction (QF-PCR).
Recentemente GENOMA, primo in Italia, ha introdotto in ambito clinico la determinazione del cariotipo fetale mediante tecnica molecolare Array-CGH (cosiddetto Cariotipo Molecolare) che permette di ottenere il risultato di un cariotipo completo, ad alta risoluzione, in soli 2-3 giorni, e consente inoltre lo screening di 100 malattie cromosomiche, non rilevabili mediante cariotipo tradizionale.


Cos’è la QF-PCR ? 
E’ una recentissima tecnica di biologia molecolare (analisi del DNA) in grado di studiare i cromosomi. Tale tecnica fornisce informazioni relative solo al numero dei cromosomi (13, 18, 21, X e Y) e non le anomalie di struttura (se il cromosoma ha dei problemi sulla sua composizione questo verrà studiato con la tecnica citogenetica tradizionale o molecolare). Può essere fatto per tutti i cromosomi mediante tecnica molecolare Array-CGH (cosiddetto Cariotipo Molecolare). 


La villocentesi può individuare tutti i difetti genetici?
I risultati dell’analisi di solito danno informazioni solo riguardo il difetto per il quale era stato richiesto il test. Occasionalmente l’analisi puó rivelare risultati riguardanti altri difetti. Non c’è un’analisi generale per evidenziare tutti i difetti genetici. 


Cosa accade se un risultato e’ patologico?
Se i risultati mostrano che il feto ha un difetto cromosomico o genetico, il genetista del ns. centro discuterá il significato del risultato con la paziente, informandola su  cosa questo può comportare sulla salute/benessere del feto e del neonato. Si discuterà se esiste una cura o un trattamento disponibili. Si parlerá delle possibilitá relative alla continuazione della gravidanza in corso, e anche dell’opzione di terminare la gravidanza. Molto raramente l’analisi potrà evidenziare un riarrangiamento cromosomico insolito di cui non si conoscono le conseguenze sul bambino. La consulenza genetica è gratuita.
La villocentesi può anche rilevare alcune situazioni che non rientrano strettamente nelle norma, ma che non hanno o hanno solo minime implicazioni sul nascituro (ad es. traslocazioni cromosomiche non presenti nei genitori o alcune anomalie dei cromosomi sessuali). Lei avrà la possibilità di discutere in maniera approfondita i risultati con personale competente, prima di prendere la decisione che riterrà più opportuna.


Quali sono gli esami preliminari?
Le indagini richieste sono:
Gruppo Sanguigno e fattore Rh 
Emocromocitometrico*
HbsAg*
HCV*
HIV (consigliabile ma non obbligatorio)*
Ecografia del primo trimestre
* La data di esecuzione di tali esami non deve superare i tre mesi antecedenti la data della Villocentesi.


Va inoltre controllato il fattore Rh dei partners della coppia (entrambi). Qualora il fattore Rh della gestante risultasse negativo e quello del padre positivo, si dovrà procedere nel seguente modo:
eseguire un test di Coombs indiretto sul sangue materno (se già eseguito, l’esame non deve essere antecedente ai 30 giorni dalla data prevista per l’amniocentesi), e portarlo con sè; 
b ) acquistare in farmacia (con ricetta medica) una fiala di Immunoglobuline Anti-D ( Igamad 1500 UI o in sostituzione Partobulin  1250 UI o ImmunoRho 300mg;  stessa profilassi che si esegue dopo il parto), da conservare in frigorifero e da portare con sé il giorno dell’amniocentesi. Acquistare la fiala con qualche giorno di anticipo perchè può non essere facile reperirla nelle farmacie e va ordinata. In caso di difficoltà si trova  anche presso la farmacia vaticana.


Quali sono i rischi per il feto in caso di villocentesi, se la madre è positiva per HIV?
Se si è positive per l’HIV c’è un piccolo rischio che la villocentesi possa causare il passaggio del virus HIV al tuo bambino. È importante quindi che se si è positivi lo si discuta con il medico poichè si devono prendere misure necessarie per minimizzare il rischio di trasmissione al bambino durante la villocentesi.


Cosa avviene dopo la villocentesi?
Il tempo necessario per l’esecuzione della villocentesi è solo di pochi minuti, anche se Lei probabilmente si intratterrà più a lungo presso l’ambulatorio. Le suggeriamo di recarsi all’appuntamento con qualche persona di sua fiducia, in modo da avere compagnia e supporto durante e dopo il prelievo.
E’ opportuno che per un paio di giorni faccia una vita tranquilla evitando di affaticarsi o di eseguire esercizi fisici particolarmente impegnativi. Il senso di “fastidio” successivo al prelievo può durare 24-48 ore e può essere controllato con l’eventuale somministrazione di Paracetamolo, che è innocuo in gravidanza. Se il senso di fastidio o di dolore è particolarmente forte, oppure si verifica perdita di liquido amniotico o sanguinamento o compare febbre elevata, la invitiamo a contattare immediatamente il ginecologo che ha eseguito il prelievo. Queste complicazioni sono tuttavia estremamente rare.


Quali sono i pro e i contro del prelievo dei villi coriali rispetto all'amniocentesi?
Vantaggi: Rispetto all'amniocentesi, il prelievo dei villi coriali offe il vantaggio di poter essere effettuato più precocemente (intorno alla 10a - 12a settimana di gravidanza).
Svantaggi: dato che non viene prelevato liquido amniotico, non è possibile effettuare indagini biochimiche sul liquido.


Quando si preferisce il prelievo dei villi coriali rispetto all'amniocentesi?
Generalmente, il prelievo dei villi coriali si utilizza quando esiste un rischio elevato di malattie genetiche. Questo perchè, pur essendo più rischioso, il prelievo dei villi coriali permette una diagnosi più precoce.


 
L’ appuntamento per eseguire la villocentesi o l'amniocentesi può essere fissato sia telefonicamente che tramite il sito web.

Prenotazione telefonica

I pazienti che desiderano effettuare un’amniocentesi presso GENOMA, devono fissare preliminarmente un appuntamento presso gli studi medici di via di Castel Giubileo, 11 Roma, telefonando al nr. 06.8811270 o al nr. verde 800.501.651, dalle 8:00 alle 20:00. In quella occasione si eseguirà già telefonicamente un colloquio informativo sui benefici della metodica, sui rischi e sugli esami aggiuntivi che possono essere eventualmente richiesti.

Il personale di segreteria richiederà alcune informazioni necessarie, quali:
- il tipo di esame che si vuole effettuare;
- il primo giorno dell'ultimo periodo mestruale;
- se il medico curante ha richiesto qualcosa di particolare;
- Nome, Cognome, data di nascita, indirizzo e recapito telefonico
I dati personali acquisiti sono protetti dalla Legge sulla Privacy 196/2003 "Codice in materia di sicurezza dei dati personali", e saranno trattati di conseguenza.

Una volta fissato l'appuntamento vi sarà inviata via posta elettronica (e-mail) una completa brochure informativa specifica per l'esame richiesto.

Queste pubblicazioni contengono tutte le informazioni necessarie per poter eseguire l'esame prenatale richiesto, tra cui:
- un' illustrazione della procedura;
- l'elenco degli esami preliminari necessari prima di eseguire la diagnosi prenatale;
- la terapia farmacologica da effettuare prima del prelievo;
- l'elenco delle possibilità diagnostiche;
- il testo dei Consenso Informato che deve essere sottoscritto prima di sottoporsi alle procedure diagnostiche;
- i costi della prestazione richiesta.
Prenotazione online

Prenotazione online

La compilazione del modulo online e' una richiesta di prenotazione, che dovrà essere confermata dal personale di segreteria, via mail oppure telefonicamente.
Una volta fissato l'appuntamento vi sarà inviata via posta elettronica (e-mail) una completa brochure informativa specifica per l'esame richiesto.

- Modulo Prenotazione Amniocentesi

- Modulo Prenotazione Villocentesi